Autoporto di Castellalto

in

Località

Contrada Zaccheo
Castellalto
Tipologia: 
trasporti
Inizio lavori
---

L'autoporto doveva favorire il dirottamento sull'autostrada del traffico Tir lungo la statale che lambisce. La struttura è dotata di vari servizi per mezzi e persone, un’ampia area di sosta custodita per i mezzi pesanti pensata come fulcro di un sistema di trasporto intermodale delle merci che prevede quindi la combinazione del trasporto su gomma con quello su rotaia o via mare. Il costo dell'opera, 5 milioni di euro, è stato stanziato dalla regione Abruzzo che ne ha affidato la realizzazione alla Provincia di Teramo. Ad oggi, l'autoporto di camion ne ha visti transitare pochi, ed il luogo è diventato dimora di ortiche e lucertole, mentre Regione e Provincia litigano per chi e come deve essere gestito. Ora che entrambe le giunte sono di sinistra pare si siano accordate per affidare ad una società mista l'autoporto di Roseto più quello di Castellato, un'altra incompiuta, con una spesa prevista per avvio dell'attività di 300.000 euro. Non essendo inserito in un sistema di scambio intermodale, l'autoporto rischia però di diventare una cattedrale nel deserto. L'autoporto non è infatti collegato con la ferrovia e la stazione di Roseto è stata smantellata. La cittadina è dotata solo da un piccolo porto turistico e sarà tagliata fuori dal traffico su gomma con il completamento dell'autostrada Roma-Teramo.

Finanziamento: 
Regione Abruzzo, Provincia di Teramo
Progettista: 
---
Impresa lavori: 
---
Costo previsto: 
€ 5.000.000,00