Borgo di Consonno

in

Località

Consonno
Tipologia: 
edilizia civile
Inizio lavori
---

Una città abbandonata in stile Las Vegas.
Consonno, cittadina sul lago che negli anni '70 attirava famiglie, ragazzi, coppie di sposi, è una cittadella fantasma, abbandonata da decenni. Fu trasformata nella città dei balocchi dal conte Mario Bagno, imprenditore che costruì autostrade e aeroporti in tutta Italia, nella prima metà degli anni sessanta. Comprò terreni, distrusse le case dei contadini, spianò il promontorio ed in pieno stile Las Vegas costruì, al posto del paese, una galleria di negozi stile arabeggiante con minareto, una balera, sale da gioco, grand hotel, una piscina by night, tutto arricchito con sfingi egiziane, pagode cinesi e torri medioevali. Una frana sulla strada per raggiungerla e il venir meno dell'effetto novità ne impedirono un ulteriore sviluppo con campi sportivi, da golf, zoo e luna park. Nel corso degli anni mai nessuna ipotesi di recupero è andata in porto e la strada è ancora chiusa dalla frana del 1976. Secondo Gianpiero Tentori di Legambiente, ripensare Consonno avrebbe costi proibitivi per il Comune e solo il capitale privato potrebbe accollarsi un progetto di riqualificazione. Attualmente, in uno dei pochi edifici sopravvissuti al degrado vivono degli anziani in una casa di riposo, mentre, per il resto, il bosco sta lentamente riconquistando lo spazio al cemento armato.

Finanziamento: 
---
Progettista: 
---
Impresa lavori: 
---