Diga di Pietrarossa

in

Località

Caltagirone
Tipologia: 
edilizia civile
Inizio lavori
1989

I lavori iniziano nell'89. E' la specializzata ditta Lodigiani-Cogei del gruppo Rendo ad aggiudicarsi l'appalto. Per la sola diga, progettata a fini irrigui, lo stanziamento iniziale della Cassa del Mezzogiorno fu di 170 miliardi di lire. Iniziano i lavori, la successiva inchiesta accerterà che non c'erano i visti della Soprintendenza. Siamo nel '90: scava e scava, gli operai si imbattono nei resti di una villa d'età romana. Scatta una prima inchiesta della Procura di Enna. Ma la ditta continua a lavorare per altri tre anni. Del resto un verbale della sezione archeologica dice che non c'è alcun reperto (strano: tre giorni prima un altro verbale parlava di frammenti di ceramiche). Il sito subisce danni irreparabili. Ma nel '95 spunta un'altra grana: lesioni della struttura, colpa dello smottamento del terreno, dice l'impresa. Secondo i magistrati della Procura di Caltagirone, invece, i tecnici, i funzionari e l'impresa costruttrice avrebbero concertato una truffa per ottenere un ulteriore finanziamento di circa venti miliardi per riparare un danno causato - diceva l'impresa - dal terremoto del 1990. Nel corso dell'inchiesta è stato appurato che le lesioni sono state provocate da errori nella costruzione. Passano altri tre anni: la ditta, abusivamente efficiente, non si ferma un giorno. Agli inizi del '98 la procura di Enna mette sotto sequestro il cantiere ed emette gli avvisi di garanzia per 12 indagati: abuso, rifiuto di atti d'ufficio, deturpamento di bellezze naturali e archeologiche.

Finanziamento: 
---
Progettista: 
---
Impresa lavori: 
---

Comments

La storia e la descrizione dell'opera coincidono, ma la localizzazione è inesatta poichè la diga non si trova nel centro abitato; mi sono permesso di correggerla posizionando la colonna nel punto preciso in cui si trova lo sbarramento.

grazie mille! hai fatto benissimo: la collaborazione è preziosa per questo progetto, quindi fa piacere ricevere queste informazioni! grazie ancora!